La Nuova Sardegna

Rotary

A Quartu Sant’Elena un campus per ragazzi disabili

A Quartu Sant’Elena un campus per ragazzi disabili

Si chiude domenica 28 aprile terza edizione dell’Happy Camp, la prima nell’Isola, organizzata e interamente finanziata dal Distretto 2080 (Roma, Lazio e Sardegna) del Rotary International e dedicato a ragazzi e ragazze con disabilità.

27 aprile 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Quartu Sant’Elena Termina domani, domenica 28 aprile, a Quartu Sant’Elena la terza edizione dell’Happy Camp, la prima nell’Isola, organizzata e interamente finanziata dal Distretto 2080 (Roma, Lazio e Sardegna) del Rotary International e dedicato a ragazzi e ragazze con disabilità.

Quattro giornate intense di condivisione con tante attività in programma: giochi, laboratori, sport, come il tennis e il padel con istruttori qualificati, ma anche una escursione in barca a vela per far vivere ai partecipanti un’esperienza indimenticabile che solo il mare può trasmettere.

Impegnati attivamente nell’organizzazione e nel supporto tutti i 6 club Rotary dell’area metropolitana di Cagliari con la partecipazione dei ragazzi e delle ragazze dei club Rotaract e Interact, uniti da un unico scopo: superare i concetti di disabilità e abilità con la consapevolezza di essere tutti diversi e unici.

«Le barriere più difficili da abbattere non sono quelle architettoniche, ma quelle relazionali. Entrare in contatto con la disabilità senza filtri e senza pregiudizi ci apre a un confronto capace di regalarci nuove prospettive e un arricchimento reciproco. Diversità, equità e inclusione sono valori fondanti del Rotary e devono rappresentare una sfida e una responsabilità condivisa da tutta la società», afferma il Governatore del Distretto 2080 Maria Carla Ciccioriccio.

Rotary International è una rete globale di 1,4 milioni di uomini e donne, professionisti, imprenditori, rappresentanti della società civile che credono in un mondo dove tutti i popoli, insieme, promuovono cambiamenti positivi e duraturi nelle comunità vicine, lontane e in ognuno di noi. I soci e le socie del Rotary operano attraverso le loro professionalità, condividendo la responsabilità di passare all’azione per risolvere i problemi più pressanti nel mondo. I 35 mila club sono impegnati a livello globale con i loro progetti di service a: promuovere la pace, combattere le malattie, fornire acqua e strutture igienico sanitarie, proteggere madri e bambini, sostenere l’istruzione, sviluppare le economie locali, incentivare la sostenibilità ambientale.

La Fondazione Rotary, dalla sua creazione, ha investito nel mondo oltre 4 miliardi di dollari in progetti sostenibili capaci di cambiare la vita delle persone www.rotary.org www.rotary2080.org.

In Primo Piano
L’inchiesta

Truffa del “bonus facciate”, la Procura di Sassari chiede 53 rinvii a giudizio

di Nadia Cossu
Le nostre iniziative